UNTITLED

anno 2019 durata 60'

COLLETTIVO MODEM CZD – giovane compagnia zappalà danza

untitled

coreografia Daniela Bendini e Moritz Ostruschnjak

 

“Da bambino non riuscivo a smettere di muovermi. E’ divertente perché tutto quello che ti dicono sempre a scuola ea casa è di stare fermo, che questa è la cosa giusta da fare, che è educato. Semplicemente non riesco a capire. Non aveva proprio senso per me. Da allora il movimento è stato una forma di ribellione o protesta per me “. (M. Ostruschnjak)

Oggi viviamo di nuovo in tempi rivoluzionari.

Le innovazioni nella tecnologia cambiano radicalmente non solo i nostri stili di vita, ma anche la nostra stessa realtà, persino la nostra percezione del mondo.

Le nostre nuove esperienze smentiscono quelle vecchie. Sta avvenendo un cambiamento radicale nel nostro ambiente e in noi stessi. Un tragico scontro tra il vecchio e il nuovo sta accadendo proprio in questo momento. Allora, cosa succederà dopo? La fine del mondo? Un domani migliore?

Partendo dalla vecchia nozione di logica e tuffandosi in un approccio caratterizzato da associazioni più libere, questa performance sarà un tentativo di far entrare in conflitto diversi punti di vista allo scopo di creare né il bene né il male, ma piuttosto una realtà alternativa un “contro-ambiente”

Per ogni performance creiamo un linguaggio unico in base al tema su cui stiamo lavorando. Il performer come individuo che porta le sue conoscenze ed esperienze nel processo creativo è molto importante per noi ed è parte integrante del nostro lavoro. La maggior parte delle volte partiamo da improvvisazioni che successivamente struttureremo o trasformeremo in materiale fisso.

L’interazione e la relazione tra suono, movimento e luce sono della massima importanza per noi. Le nostre esibizioni sono in qualche modo collocate tra un lavoro di danza, un’installazione di luce e un concerto musicale.