Assaggi di Stagione

Labile Pangea

Tir Danza - Mp ideograms

coreografie: Manfredi Perego | produzione: TIR Danza/MP ideograms | in collaborazione con: Scenario Pubblico/CZD | con il sostegno di: Fondo Regionale per la Danza Emilia-Romagna, Fondazione i Teatri Di Reggio Emilia | con il sostegno di: Anticorpi – Rete di Festival Rassegne e Residenze Creative dell’Emilia Romagna | Residenze: L’Arboreto – Teatro Dimora (Mondaino) e Teatro Due (Parma).

«Pangea: denominazione dell’ultimo supercontinente che si ritiene includesse tutte le terre emerse della Terra. Labile: aggettivo che indica ciò che è destinato a scomparire velocemente. Immagino riunita tutta la terra ad oggi conosciuta. Un insieme incredibilmente solido, ma solo in apparenza; forse proprio come la solidità dell’apparenza nel tempo. Ho voluto accostare un termine che racconta un percorso di milioni di anni, inconcepibile e non percettibile per l’essere umano, a un aggettivo che designa un rapido e fugace trasformarsi, per esprimere il desiderio di abitare lo spazio in cui certezza e incertezza si alternano in un moto perpetuo. Labile Pangea è un’indagine sulla precarietà, sulla mutevolezza e sull’impossibilità di tenere tutto assieme senza cedere nulla al tempo, ma vuole essere anche monito del nostro desiderio di ricerca dell’eternità rispetto a un tempo che non la concepisce in quanto, semplicemente, sembra esistere solo nel nostro pensiero».