FIC FEST 2020

SEVERAL TIMES

PERFORMANCE

Coreografie di Eva Klimackova e Laurent Goldring

Durata: 25 minuti

coreografia: Eva Klimackova e Laurent Goldring | performer: Eva Klimackova | musica: en cours | luci: Yann Le Bras | produzione:  Compagnie E7KA, La Belle Orange | coproduzione: Centro Nazionale di Produzione della Danza – Scenario Pubblico / Italie; Région Centre – Val de Loire/ Conventionnement 2020, Goldring productions / Paris | con il supporto di: Dom Kultury Myjava, Slovakia, Centre National de la Danse / Pantin, Ménagerie de verre Paris / studioLAB

Several Times esplora il vincolo di un corpo posto in uno spazio molto stretto di un angolo. Tutta l’indagine si basa su un corpo, un muro, un angolo, una seconda parete e un pavimento. Il corpo diventa parte dell’angolo, incorpora questo spazio limitato per trovare le soluzioni e sviluppare il suo vocabolario e le sue strategie molto particolari. Usare il supporto di entrambe le pareti, entrare nell’angolo, usare il proprio corpo come supporto per spingere e spostare il peso offre molteplici possibilità di coordinazione e apre l’immaginario. Pur accettando questi limiti, usando una spinta molto fisica e ritardando il corpo nelle varie posizioni, l’immaginario e i ricordi iniziano a rivelare immagini e ricordano allegramente l’atmosfera della Metamorfosi di Kafka. Questo nuovo pezzo si basa sulla collaborazione a lungo termine tra Eva Klimackova e Laurent Goldring che ha portato a «Ouvrir le temps» (2016), a metà strada tra coreografia e arti visive, mettendo in discussione quelle categorie.

Eva Klimackova (SK) è ballerina, coreografa e insegnante. Nata in Slovacchia, ha studiato all’Accademia delle arti dello spettacolo a Bratislava. Successivamente si è trasferita a Parigi, dove vive dal 2001. Ha ballato per molti coreografi in Slovacchia, Repubblica Ceca, Francia e Belgio. Nel 2007 fonda la compagnia E7KA, con sede in Francia, e crea le performance: Alzbeta Hlucha (2007), Alzbeta (2008), Ivanuska (2009), Touch.ed (2011), il dittico MOVE / (2014), con la collaborazione di Laurent Goldring  “Ouvrir le temps” (2016), PURE (2017) e TRACES (2019) presentati in Francia, Belgio, Slovacchia, Repubblica Ceca, Germania, Slovenia, Lettonia e Hong Kong.

Laurent Goldring è un artista che si occupa di arti visive, video e cinema. Ha studiato filosofia all’École Normale Supérieure (Parigi) e al City College (New York). Il suo lavoro ha suscitato interesse immediato con una mostra personale presso il Centre Pompidou nel 2002. Presentato in importanti eventi: Biennale di Venezia (Der Bau e Collective Jumps, 2016), Garage, Mosca (Collective Jumps, 2016), Le Bal (Cesser d’etre un, 2016), Jeu de Paume (Broken Loops, 2014), MOMA PS1 (La Rencontre, 2014), Fondazione Gulbenkian (Sculpture mobile # 4, 2002), Centre Pompidou (Expo N ° 26, 2002). Le sue immagini dal mondo della danza hanno influenzato molti coreografi. È stato direttamente coinvolto nella creazione di spettacoli di Xavier Le Roy, Blut and Boredom, Ectoderme e Self-Unfinished (1996-1998), e di Maria-Donata d’Urso, Pezzo 0 (uno e due) (2002). Ha poi co-firmato il lavoro con Benoit Lachambre, Saskia Holbling e Louise Lecavalier the rrr … (leggendo letture leggendo) pezzi, (2001), Is you me (2008) e Squatting Project (2012-2016). Con Germana Civera ha creato Figures (2008), con Isabelle Schad, Unturtled (2009/2012), Der Bau (2013) e Collective Jumps (2014), e con Eva Klimackova, Ouvrir le temps (2016). Dopo le mostre a Le Bal (Parigi) e Garage (Mosca), nel 2017, il Palais de Tokyo ha esposto un’installazione monumentale dei suoi video di loop del corpo.