video danza

THE RISICO SCREENING

Rassegna multischermo della danza in video

nell’ambito di R.I.Si.Co
a cura di Cro.Me e COORPI

INGRESSO GRATUITO

The Risico Screening è il nuovo format che i partner del progetto R.I.Si.Co hanno creato come modello di proiezione pubblica delle produzioni video e cinematografiche di danza e della quale abbracciano storia, presente e futuro. La videodanza è assai mutata: l’aspetto documentativo ha lasciato spazio a creazioni originali che utilizzano la coreografia come linguaggio cinematografico. L’occasione offerta da Scenario Pubblico è per The Risico Screening una modalità ideale di realizzarsi, avvicinando un centro di produzione di riferimento della danza dal vivo con un’altrettanto creativa rete che produce e promuove la danza per immagini, sinergie, modelli e concorsi soprattutto in ambito digitale.
R.I.Si.Co. – Rete Interattiva per Sistemi Coreografici – Progetto di promozione della cultura della danza per la formazione del pubblico. Il progetto R.I.Si.Co si propone l’obiettivo di creare un sistema integrato di promozione della cultura e dello spettacolo di danza che privilegi i canali di diffusione e interazione dei nuovi media digitali. Fondatori e partner sono le associazioni COORPI, Cro.me – Cronaca e Memoria dello Spettacolo e Perypezye Urbane.
Tre serate in cui lasciarsi condurre e coinvolgere in un incrocio di programmi, in una immersione nella danza vista, riprodotta e mediata dalla video-camera, sia essa professionale o come quella quotidiana dei nostri smart devices.

Sala White

Outside :  la scena aperta
“The cost of living” s’interroga sul “costo della vita” e sul “costo del vivere”, sugli ideali e sull’ipocrisia, sul comune senso del pregiudizio che circonda e corrode la vita personale di ogni uomo.
Il lavoro di Lloyd Newson e del DV8 Physical Theatre non critica soltanto la società, ma si propone di cambiarla. In “The cost of living” il corpo diventa uno strumento per raccontare storie, quotidiane ma non comuni, di persone costrette ad affrontare il proprio allontanamento dal mondo: lo sguardo affonda dentro figure autentiche e fragili, scacciate ai margini per le loro differenze

Una diversità che Newson trasmette come ricchezza, nei movimenti di performers differenti fra loro, per età, dimensioni ed abilità fisica

Sala Grey

Inside (interno): video e palcoscenico Smoke
In Smoke Mats Ek racconta la relazione tra un uomo e una donna (Niklas Ek e Sylvie Guillem). Ciascuno di loro, conduce una propria vita, di lui e di lei, come viene rappresentato nei due solo. Si incontrano e si uniscono con tenerezza e violenza attraverso due passi a due. Il fumo che esce dai loro corpi, bocche e abiti è il simbolo amaro della loro comunicazione. Questa coreografia è stata concepita inizialmente per lo schermo su richiesta di Sylvie Guillem e inclusa nel suo film “Evidentia”.

Sala Black

Sala dedicata al contest La danza in 1 minuto , con proiezione di una selezione dei migliori video provenienti dalle edizioni 2011-2015 del contest a cura di COORPI.

Liquid Path – FILOMENA RUSCIANO

Muta dance – LAURA MAZZA

Fraxtalia – H4R4K1R1 PRODUKTION

Camera Coreografica – primo studio – JACOPO JENNA / RAMONA CAIA

How to disappear completely – LE STRANIERE

EverywHERE – OZNE PRODUCTION

La De?miurge – ALAIN EL SAKHAWI

Click – DAVIDE CALVARESI

Immobile= I’m mobile – ADRIANO MAINOLFI

Su misura un video di  AUGENBLICK

Steppin’Out – SILVIA ALFEI

Dream – LABORAFILM

  1. – LUIGI CICCAGLIONE

Defocus – FOCUS ART

 

sab 7 gen 2017
VIDEODANZA
ALAIN EL SAKHAWI ? artista associato
Nous n’attendrons plus les barbares
(Non aspetteremo più i barbari)
h 19:00 | prima nazionale

Sono già dentro di noi. Ci vestono, ci infestano e ci affascinano.
Ancorché nudi come al primo mattino del mondo, con il corpo e l’anima liberi, saremmo in grado di rinunciare ai prometeici sogni?
Il cortometraggio La Démiurge, vincitore del Premio Speciale alla Produzione “La Danza in 1 minuto ed. 2015”, è stato girato tra il Porto di Catania, Palazzo Biscari, il Teatro di Scenario Pubblico e la Riserva Naturale di Vendicari.
Sarà presente l’autore, gli interpreti e la direzione artistica del Contest.

Alain El Sakhawi. Di nazionalità franco-egiziana, ha collaborato come danzatore, tra gli altri, con le compagnie “CCNN C.Brumachon B. Lamarche” (Francia), “Steptext Dance Project” di H. Letonja (Germania) ed altri. Danzatore della “Compagnia Zappalà Danza” dal 2007, è anche docente del corso di perfezionamento mo?em©. Da qualche anno si occupa di video danza, basando il suo lavoro sulla combinazione del linguaggio del movimento con quello del cinema.

Regista, riprese, montaggio : Alain El Sakhawi
Coreografia : Alain El Sakhawi e Valeria Zampardi
Collaborazione : Fernando Roldan Ferrer
Interpreti: Valeria Zampardi, Fernando Roldan Ferrer, Silvio Laviano
Compositore: Kevin Tourné
Musica tango e fine : Daniel Melingo (Maldito Tango: “Luisito” / “Eco il mondo”)
Drone: Salvo Calanna
Compositing: Alain El Sakhawi e Salvo Orfila
Sarta: Debora Privitera
Ringraziamenti a
Autorita Portuale di Catania e Salvo Calanna
Ruggero Moncada – Palazzo Biscari
Produzione :
COORPI-La Danza in 1 minuto
Centro Nazionale di Produzione della Danza Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza

COORPI nasce nel 2002 per sviluppare nuove modalità di comunicazione con il territorio attraverso i linguaggi della danza e del corpo. Dal 2011 realizza progetti dalla forte componente multimediale ed interattiva, coniugando danza, video, social media e sviluppando forme espressive cross disciplinari al servizio di un racconto creativo, fisico e corporeo. COORPI realizza, inoltre, percorsi formativi in cui la videodanza si pone quale linguaggio chiave di un nuovo modo di comunicare: inclusivo, empatico e partecipato. Main projects in corso: La Danza in 1 minuto – contest nazionale di videodanza aperto alle creatività del territorio italiano e CAMPO LARGO, incubatore creativo cross mediale, primo format di residenza artistica nazionale di videodanza.
www.coorpi.org

Cro.me. è una libera associazione culturale che nel 1994 ha dato vita alla prima rassegna internazionale di video-danza in Italia (Danza&Video) e ha costituito un archivio video. Dal 1999 si avvale del contributo del Ministero dei beni e delle attività culturali e del Turismo per la promozione della cultura della danza e la formazione del pubblico nel territorio nazionale. Tra le proprie attività: il progetto europeo “Terpsychore“, le rassegne itineranti “Video Dance Moving”, l’applicazione “DanzaDove” in partnership con ArtedanzaE20 e la rivista Danza&Danza, “Le storie della Danza Contemporanea” co-prodotte con Fondazione Romaeuropa e il Museo nazionale Maxxi. www.cromedanza.it