1.incompiuto

anno 2006 durata 60'

Coreografia e regia Roberto Zappalà
Interpretazione e collaborazione Wei Meng Poon
Musica originale/ DJ Dimitri de Perrot

Foto Gianmaria Musarra

una coproduzione compagnia zappalà danza – Società Dante Alighieri di Quito (Ecuador) – Scenario Pubblico performing arts – Fondazione Ocho y Medio (Ecuador) – Pro Helvetia – Istituto Svizzero di Roma – steptext dance projects (Germania)

 

Con questo lavoro Zappalà affronta il territorio del gesto, in particolare il gesto eroico e la necessità dell’eroismo.

“Sventurata la terra che ha bisogno di Eroi”. Bertold Brecht

"Lavoro duro ma affascinante “1.incompiuto”, lo spettacolo del catanese Roberto Zappalà. Duro perché giocato sulla presenza di un solo danzatore , Wei Meng Poon, spesso immerso in un chiaroscuro molto contrastato di luci. Affascinante perché il danzatore di Singapore è una presenza carismatica che cattura inesorabilmente l’attenzione dello spettatore, col suo corpo statuario, con la qualità del movimento. Una scena ingombra di centinaia di paia di scarpe, un apparato luci portentoso; ci sono immagini folgoranti , luci che calano dall’alto come il getto di una doccia, per esempio. Ma esilarante è certamente il momento in cui il danzatore si presenta rannicchiato, impacchettato in una confezione di plastica con la scritta pollo , mentre la colonna sonora manda le note della “Morte del cigno”…” Sergio Trombetta (La Stampa – Torino)

”Il ballerino Wei Meng Poon interpreta con energia e precisione questo lavoro del coreografo italiano R.Zappalà, che allude all’eroismo, in una rappresentazione estremamente intensa, che dura oltre un’ora. La coreografia si nutre di molte sequenze di grande impatto fisico, ed in queste il corpo del danzatore si fa duttile e armonico per evocare sensazioni contrapposte, come un’illusione o una sconfitta. I vari segmenti intrisi di danza, sono arricchiti da azioni teatrali e performative forti in una scena ricoperta di decine di paia di scarpe e tra queste il danzatore lotta disperatamente evocando il paesaggio desolato di un eroe caduto.” El commercio – Guayaquil, Ecuador